Le migliori app per lavorare da casa in smartworking

Lavorare da casa non è per tutti, anche se con l’attrezzatura giusta e seguendo i consigli di chi lo fa da anni, può essere altrettanto produttivo o più che dall’ufficio. Un buon modo per prepararti al lavoro è utilizzare app che ti semplificano il lavoro da casa.

Che tu stia effettuando il telelavoro da anni o che sia stato recentemente costretto a iniziare a lavorare da casa dalla recente pandemia, ecco alcune app per aiutarti a sopravvivere al lavoro a casa, dall’aiutarti a gestirti meglio il lavoro e la programmazione giornaliera fino alle app per ricordarti di fare delle pause ogni tanto.

Asana

Con Asana potrai seguire indistintamente obiettivi e compiti dal tuo cellulare o dal tuo PC. In questo modo puoi avere una rapida panoramica di ciò che hai in sospeso ovunque ti trovi.

Avrai bisogno di Asana principalmente se la tua azienda lo utilizza per gestire i progetti, anche se nulla ti impedisce di utilizzare tu stesso l’applicazione per gestire al meglio i tuoi progetti personali.

Avrai giornalmente una lista dei tasks da sviluppare e potrai verificare lo scadenzario per decidere di dare priorità ad un lavoro piuttosto che ad un altro.

Trello

Alcune persone preferiscono Asana ma c’è chi preferisce Trello, un altro strumento per gestire le attività che si distingue per essere molto facile da usare. È qualcosa che somiglia ad avere una lavagna con le attività da sviluppare ma sul tuo cellulare o PC.

Trello ti consente di organizzare qualsiasi cosa, dal tuo lavoro quotidiano a qualsiasi altra cosa immaginabile.

La cosa interessante di Trello è che si basa sul metodo Kanban in cui vengono utilizzati i famosi To DoDoing e Done . Questa organizzazione gestisce bene lo sviluppo di un progetto e con Trello è sufficiente elencare tutte le attività che compongono un progetto e posizionarle in tre colonne in base al loro stato:

  • 1a colonna: To Do – Da fare.
  • 2a colonna: Doing – In corso.
  • 3a colonna: Done – Fatto.

Microsoft Teams

Molte aziende usano Microsoft Teams quindi ciò dipenderà esclusivamente da ciò che deciderà la tua azienda se usarne una piuttosto che un’altra. Il concetto è sempre lo stesso: comunica con il resto dei tuoi colleghi.

Microsoft Teams fa parte di Office 365 e si integra perfettamente con il resto dei servizi e delle applicazioni di Office. Con l’applicazione puoi chattare su diversi canali oltre a effettuare chiamate video e audio.

E’ gratuito ed è sufficiente scaricarlo da Google Play.

Google Keep

Essendo una delle migliori app per prendere appunti, sarebbe impossibile parlare di produttività e lavoro senza menzionare Google Keep, l’app per le attività di Google. La sua utilità andrà dalla scrittura del numero di telefono di un cliente quando non riesci a trovare un taccuino o dall’aggiornamento della lista della spesa.

Google Keep ha tutto ciò che potresti aspettarti da un’ app per le note, aggiungendo al mix il suo supporto multipiattaforma e la possibilità di condividere le note con altri. Un’altra caratteristica unica che non è facile da trovare nelle app concorrenziali sono i promemoria di note basati sulla posizione. Se durante un lavoro ti viene un colpo di genio o un lampo in merito al progetto che stai sviluppando potrai condividerlo immediatamente con il resto del Team.

Pomodoro Timer

Una delle tecniche di miglioramento della produttività più note è la tecnica del pomodoro: dividere un’attività in blocchi da 25 minuti (chiamati pomodori) e fare una pausa di 5 minuti dopo ogni blocco e 30 minuti dopo quattro “pomodori”.

Per seguire questa pratica ti basta un orologio ma se vuoi un piccolo aiuto puoi utilizzare l’app Pomodoro Timer per contare i pomodorini per te. L’app ha un design minimalista e permette di personalizzare la durata del singolo “pomodoro” e delle pause.

E’ come un semplice timer da cucina ma invece di segnalarti quando scolare la pasta, ti segnalerà quando avrai bisogno di staccare e fare una pausa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.