Another Lisbon Story
Il “Bairro da Torre”: un quartiere informale a due passi da Lisbona
Il Bairro da Torre è un quartiere a genesi informale, nato al lato dell'attuale aeroporto di Lisbona in seguito ad un'occupazione illegale da parte di popolazioni portoghesi, africane e gitane. Queste abitazioni non legalizzate sono frutto dell'assenza di una politica che non ha risposto negli ultimi anni alle carenze e necessità di quelle popolazioni con basso reddito, le quali hanno cercato mezzi alternativi per “risolvere” il problema della casa. In questo contesto vivono al momento 62 famiglie, circa 300 persone, donne, bambini, uomini, anziani, persone con disabilità e in alcuni casi con gravi problemi di salute. Queste sono comunità ancora permeate da fortissimi legami sociali, etnici, familiari e da uno straordinario senso di collettivit&...

Leggi ancora


04.NOV.2016      Autore: Redazione
CONDIVIDI
Spazi Indecisi
Evento in corso Totally Lost 2016
Un gruppo eterogeneo di otto tra architetti, paesaggisti, ingegneri ed esperti di materia ambientale e territorio ha dato vita nel 2009 all’Associazione culturale “Spazi Indecisi” con l’intento di riflettere, sperimentare e progettare interventi di riattivazione temporanea negli spazi in abbandono, promuovendo e realizzando eventi culturali di aggregazione e sviluppando campagne di comunicazione partecipata. L’Associazione opera prevalentemente nella zona della Romagna e il loro lavoro ha condotto alla creazione di una mappa consultabile da tutti e in continuo aggiornamento in grado di individuare tutti quei manufatti o luoghi nel tempo abbandonati, disabitati o dismessi, deantropizzati. Unità difensiva abbandonata, Cluj (Romania) - Foto Mircea ...

Leggi ancora


10.OTT.2016      Autore: Redazione
CONDIVIDI
San Venanzo: un laboratorio di idee e progetti per il paesaggio
La storia di S.Venanzo ha origini molte antiche che risalgono al periodo del massimo splendore della città etrusca di Velzna e della sua successiva trasformazione in Urbe Vetus, scaturita dalla successiva dominazione romana. La via Orvietana, che ancora oggi si collega alla Comunità di S. Venanzo, ha costituito per secoli la principale via di attraversamento del territorio, strutturando in epoca medioevale,  sui tanti poggi che circondano il borgo, un sistema di torri e di piccole fortezze di avvistamento che permettevano un’efficace difesa militare in caso di invasioni da parte di truppe nemiche. S. Venanzo si caratterizza ancora oggi come una “città invisibile”, il cui territorio è caratterizzato da dieci piccole frazioni tutte coll...

Leggi ancora


05.OTT.2016      Autore: Redazione
CONDIVIDI
SHARING IDENTITIES MAKING COMMUNITY
La trasformazione del quartiere informale Cañada Real Galiana di Madrid
La Cañada Real Galiana è una delle 9 Cañadas Reales di Spagna, strade originariamente dedicate alla transumanza. La CRG ha una storia gloriosa, così le greggi entravano nella città di Madrid. Nel 900 inizia il suo decadimento parallelamente alla perdita d’importanza dell’allevamento. La Cañada Real Galiana viene così abbandonata e di lì a poco inizia la sua progressiva e disordinata occupazione, protratta fino ad oggi a causa dell’immigrazione, gentrification e crisi economica. Oggi, è una città informale priva di servizi o collegamenti, che si sviluppa linearmente per 14 km, colonizzata da una popolazione eterogenea di 30.000 persone: un cammino centrale ai lati del quale sono state edificate cost...

Leggi ancora


23..2016      Autore: Redazione
CONDIVIDI
VIVIENDAS PARA AYLLUS EN LAS CUADRAS DE SIBAYO RUMILLAQTA
El proyecto, de carácter investigativo, plantea la construcción de tres modelos habitacionales para varias familias en Sibayo Rumillaqta (Valle del Colca, Arequipa, Perú) como parte de la estrategia para la reactivación del pueblo y el desarrollo socio-económico del pueblo colonial. La idea del proyecto trata de conjugar factores como historia, tradición, materiales y técnicas locales, organización familiar, tipología de vivienda tradicional, interés de la trama urbana, para proponer una actuación en Sibayo, pueblo de la parte alta del Valle del Colca cercano a los 4000 metros sobre el nivel del mar, con clima desértico y condiciones climáticas muy duras para la vida, siendo una zona de bajos recu...

Leggi ancora


30..2015      Autore: Redazione
CONDIVIDI
SESC HORIZONTAL
SESC nel Parque Dom Pedro II
SESC HORIZONTAL oltre ad essere un contenitore del tempo libero ha anche l'obiettivo di far rivivere la natura del luogo. L'area di progetto è situata in un contesto urbano complesso: di fronte al Parque Dom Pedro II (ai piedi del vecchio triangolo storico,dove nacque la città di Sao Paulo),
oggi vuoto urbano. Vuoto urbano venutosi a creare dopo le numerose modificazioni del sito, un tempo valle e letto di uno dei tre fiumi che caratterizzano la città. La costruzione di cinque viadotti e l' asfaltamento dell'Avenida do Estado hanno incentivato il degrado dell'area e la diminuzione del verde locale, eliminando così il "genius loci", il rapporto della città con il verde e con l'acqua.  Il progetto,servendosi di due scale urbane, innanzitu...

Leggi ancora


27.MAR.2015      Autore: Redazione
CONDIVIDI
ISOLE NEL VERDE
Una scuola all'aria aperta
Concepire una scuola in un paese complesso, sotto ogni punto di vista, come l’India, non consiste soltanto nell’offrire una struttura scolastica dignitosa agli abitanti di un villaggio sottosviluppato, ma è anche una riflessione su cosa significhi progettare in determinate condizioni e, nel caso specifico, vuole poter costituire una delle possibili risposte al tema dell’allagamento in tutte le zone con simili problematiche.
L’area di progetto, infatti, si trova a K Plot, un’isola formata dalle ramificazioni del fiume Gange e del golfo del Bengala, che, durante la stagione monsonica, trasformano il territorio in una vasta pianura alluvionale. Campi di cereali e ortaggi, giungle di palme, strade in terra battuta e mattoni e stagni verdastri si susseg...

Leggi ancora


25.FEB.2015      Autore: Redazione
CONDIVIDI
ECOMUSEO "OLHA LISBOA"
Proposta di valorizzazione delle visuali panoramiche di Lisbona
Lisbona è una città dalle origini antichissime, il suo nome deriva dal primo insediamento fenicio “Olissipo” ovvero “porto che incanta”, la capitale fonda infatti le sue radici sulla sponda settentrionale dell'estuario del fiume Tago, situata in una zona di transizione tra Oceano Atlantico e Mar Mediterraneo, tra Africa ed Eurasia, assumendo un “ruolo di interfaccia” tra la terra e l'acqua e comprendendo un livello di biodiversità superiore alla media delle altre città europee. Lisbona è senza dubbio una città pubblica, ossia di origine e sviluppoclassico-mediterraneo, pur essendo stata fortemente influenzata dalla dominazione mussulmana. I quartieri più antichi sono caratterizzati da strade strette e p...

Leggi ancora


15.NOV.2014      Autore: Redazione
CONDIVIDI
Riviviamo la piazza
Raccontare un quartiere attraverso la partecipazione
Periferia sud di Mantova, quartiere Valletta Valsecchi: gli edifici e gli spazi aperti versano in stato di degrado, la relazione funzionale con la città è compromessa dalla discontinua rete viaria, l’abbandono diffuso di abitazioni e negozi infonde nei cittadini un senso di smarrimento e scarsa coesione sociale. Qui si colloca il progetto di partecipazione RIVIVIAMO LA PIAZZA, nato da una tesi di laurea specialistica degli architetti Antonia Araldi e Luca Stancari della sede mantovana del Politecnico di Milano, che ha visto la sua prima concreta realizzazione nell’autunno del 2014 (1-5 Ottobre), dopo due anni di lavoro.
Tre principi muovono questo progetto: ripopolare, recuperare, coinvolgere: incentivare quindi il ripopolamento del quartiere soprattutto da ...

Leggi ancora


31.OTT.2014      Autore: Redazione
CONDIVIDI
Habitar o Centro
Un progetto di social housing per Sao Paulo
Parlare di Sao Paulo è diventato ormai motivo di facili congetture. I racconti che ci raggiungono per vie più o meno ufficiali, recentemente amplificati dall’imminente incontro dei mondiali di Rio, hanno costituito nelle nostre menti un immaginario consolidato. E’ una composizione figurativa strutturata da realtà contrastanti, da pochi che hanno molto e da molti che hanno poco, da favela sovrappopolate e da grattacieli immensi. E’ questa la Sao Paulo che ci hanno insegnato ad immaginare. Esistono tuttavia altri temi che oggi hanno assunto l’eguale importanza di quelli più noti. Tra questi il seguente lavoro ha scelto di affrontare quello relativo al degrado del centro, un’area fortemente soggetta alla rapidità delle trasforma...

Leggi ancora


29.MAR.2014      Autore: Redazione
CONDIVIDI
O centro sentido
Dal Brasile una tesi di rigenerazione urbana partecipata
In una piccola comunità del Brasile centrale, stato del Minas Gerais, municipalità di Pocos de Caldas, si Studia. Anche Architettura, e si elaborano nuove metodologie per la progettazione di uno spazio pubblico capaci di coinvolgere la popolazione in modo fresco, dinamico e democratico. La tesi di Lucas Belinato, coordinata dalle Professoresse Adriana Matthes e Rosana Parisi, ha sperimentato proprio questo, portare la popolazione a riflettere su uno spazio pubblico nel cuore del centro cittadino e farla esprimere attraverso più mezzi di comunicazione, tra cui i social media di ultima generazione. Tutto comincia con una provocazione. Lucas disegna e rappresenta in miniatura un Oggetto, lo pone al centro della piazza principale della città, e aspetta. È...

Leggi ancora


20.DIC.2013      Autore: Redazione
CONDIVIDI
Consumo di suolo e spazi aperti periurbani
Progetto paesaggistico nel quadrante meridionale di Pistoia
Arrivata alla fine del mio percorso di studi, ho scelto di approfondire attraverso la mia tesi di laurea il tema del consumo di suolo che da tempo mi interessava e che è uno degli argomenti centrali nel dibattito urbanistico contemporaneo. Infatti, l'accresciuta consapevolezza dell'insostenibilità non solo ambientale ma anche economica e sociale dell'attuale modello di sviluppo della città ha portato, negli ultimi anni, a dedicare sempre maggiore attenzione al rapporto tra città e paesaggio aperto, concentrandosi sul processo di diffusione insediativa e sui fenomeni di consumo di suolo che lo caratterizzano. Ho scelto come area di studio la piana di Pistoia, che inserendosi in uno degli ambiti con maggiore pressione insediativa del contesto regionale, la conur...

Leggi ancora


17.OTT.2013      Autore: Redazione
CONDIVIDI

CARICA ALTRI POST

ARTICOLI RECENTI