PARCHI E GIARDINI D'INTERESSE STORICO
IN PROVINCIA DI MODENA
Da uno studio per il PTCP nasce una pubblicazione
In un paese ricco di storia e di arte come il nostro, sta finalmente crescendo la consapevolezza di quanto sia importante conservare in modo razionale il patrimonio storico-naturalistico costituito da parchi e giardini storici, che rappresentano una testimonianza irrinunciabile della cultura, della tradizione, della vita. È in tale ambito che si pone lo studio svolto in provincia di Modena, che ha come obiettivo proprio quello di iniziare un processo atto alla conoscenza e alla conservazione dei parchi e giardini d’interesse storico. Come per gli altri beni culturali la conoscenza anche solo dell’esistenza del bene costituisce il pilastro principale per la protezione e quindi la tutela e la salvaguardia. È stato svolto, quindi, uno studio di valenza provinciale ch...

Leggi ancora


04..2015      Autore: Redazione
CONDIVIDI
Metodologie di progettazione ambientale nei territori di margine
Recupero e valorizzazione del patrimonio paesaggistico e architettonico del territorio di Riccò del Golfo - La Spezia
Di recente pubblicazione, il libro documenta il percorso di conoscenza, approfondimento ed evidenziazione dei caratteri di un territorio, come quello dell’entroterra ligure, generalmente percepito come margine esteso tra realtà differenti (paesaggio, geografia, storia), attraverso il quale, avvalendosi di apporti personali e peculiari delle diverse professionalità coinvolte, sono stati elaborati degli scenari di proposte che si offrono come approccio metodologico e metaprogettuale nel più vasto dibattito sulla riqualificazione paesaggistica e sulla rigenerazione funzionale e tecnologica degli insediamenti storici e dei loro organismi ambientali. La pubblicazione ha infatti il duplice obiettivo di esporre e divulgare i risultati del “Corso di Perfezi...

Leggi ancora


05..2014      Autore: Redazione
CONDIVIDI
LUOGO E IDENTITÀ
NELLA FOTOGRAFIA ITALIANA CONTEMPORANEA
“Questo volume è dedicato al legame tra l’uomo contemporaneo e i territori che abita, così come è stato affrontato dalla fotografia italiana dagli anni Settanta fino ai giorni nostri.”
Con questo incipit Roberta Valtorta, curatrice del libro, chiarisce in maniera inequivocabile il significato di un titolo in cui le parole luogo e identità appaiono indissolubilmente legate. La questione del rapporto, esistente da sempre, tra uomo e territorio viene affrontata attraverso una disamina di quella parte di fotografia italiana degli ultimi decenni che decide di riflettere sulla condizione urbana contemporanea, con uno “sguardo del disagio” (così come viene definito da Paolo Costantini) che libera ogni rappresentazione...

Leggi ancora


02.MAR.2014      Autore: Redazione
CONDIVIDI
Premio INU letteratura urbanistica 2013
Il libro Costruire un senso del territorio
Vi presentiamo qua il libro "Costruire un senso del territorio. Spunti, riflessioni, indicazioni, di pianificazione e progettazione", Gangemi Editore, 2012. Uno dei libri in concorso al premio INU di letteratura Urbanistica. Occuparsi di urbanistica è occuparsi dei processi di antropizzazione che si presentano durante la storia. Ma sia gli uni che l’altra non sono eventi inevitabili o necessari: dipendono dalle scelte che si decidono. Questo è ancor più vero nel momento in cui la globalizzazione moderna, fenomeno legato alle prima inesistenti opportunità tecnologiche - cioè il trasporto aereo e quello ad alta velocità, la telematica - sta modificando gli assetti territoriali che per millenni, ma soprattutto dalla rivoluzione indust...

Leggi ancora


08.OTT.2013      Autore: Redazione
CONDIVIDI
Camminare il Paesaggio
di Enrico Falqui
a cura di: Damiano Galeotti, Maria Teresa Idone, Silvia Minichino, Chiara Serenelli
Per la mente dell’Uomo moderno, lo spazio e il tempo sono essenzialmente delle limitazioni. La società moderna ha raggiunto un volume e una velocità d’uso nel consumo di risorse e materie prime, da minacciare gli stessi ecosistemi da cui dipende. Anche la concezione moderna del viaggio si è strutturata in un semplice “spaziamento”, che consente di visitare luoghi estranei senza doverli far propri.
Oggi, chi vive in un territorio, ha perduto la conoscenza dei luoghi, privandosi di una cultura dell’abitare (Mente locale) dalla quale dipende la capacità di percezione cognitiva del Paesaggio e di riconoscimento del “genius loci” di  ogni territorio.   “Camminare il paesaggio” è un progett...

Leggi ancora


03.APR.2013      Autore: Enrico Falqui
CONDIVIDI

CARICA ALTRI POST