ParcOvest una occasione per tutti
Un'esperienza di cittadinanza attiva a Bergamo

Bergamo, 1995-2011

Ci sono voluti ben 16 anni da quando uno strumento urbanistico (Prg Secchi-Gandolfi 1995) e in seguito altri, hanno riconosciuto e regolamentato l’area del futuro Parco Ovest della città di Bergamo, a quando è avvenuta la posa della prima pianta. L’area in questione è ora oggetto di un P.I.I, accordo tra privato e pubblico, ma la piantumazione della prima pianta e delle successive 2000, non è accaduta né per opera dell’operatore privato, né per attivismo dell’amministrazione bensì, è stata possibile, nell’Ottobre 2011, grazie ad una convenzione tra l’associazione di volontariato Legambiente e Timberland, in concertazione con il Comune, a seguito della quale l’operatore privato ha aperto il cantiere.

Bergamo, Ottobre 2012-Giugno 2013

L’area del futuro Parco urbano, attualmente abbandonata, è interclusa tra infrastrutture importanti della città, non è conosciuta dalla maggior parte della cittadinanza ma ha delle dimensioni importanti, un notevole valore ambientale, perché è parte di un sistema di verde che circonda il capoluogo, oltre ad essere rilevante in termini viabilistici perché diventerà uno snodo ciclopedonale centrale di Bergamo, grazie alla futura passerella che scavalcherà l'asse interurbano.

Legambiente Bergamo, il Comune e la Fondazione Comunità Bergamasca, sulla base della prima piantumazione, hanno dato vita al progetto “ParcOvest un’occasione per tutti”. Questo intendeva valorizzare l’area attraverso una seconda azione di piantumazione ancora con il sostegno di Timberland, rendere il territorio un riferimento per il quartiere e gli abitanti che ne saranno fruitori, attraverso la strutturazione di un processo di partecipazione in fase di cantiere, e inoltre, sfruttare le sue caratteristiche attuali  per elaborare attività di sensibilizzazione ambientale, proponendo presenti nel quartiere limitrofo al parco.

Questa volta dalla carta si è passati all’azione, Legambiente ha coinvolto gli abitanti e numerose associazioni della città, con lo scopo di sensibilizzare il maggior numero di persone dell’esistenza del futuro Parco e per raccogliere idee sul suo futuro utilizzo. Le proposte, organizzate in un format uguale per tutti, sono state presentate e discusse insieme all’Assessore all’ambiente in un workshop pubblico “Cantiere ParcOvest”, in quell’occasione si è parlato di mantenere e incentivare la biodiversità, di realizzare strutture di arredo con elementi naturali, di realizzare e gestire orti urbani, di far svolgere attività di pulizia e di volontariato ambientale ai giovani, di coinvolgere nella manutenzione di piccoli orti, dei ragazzi disabili, di proporre iniziative sportive, di vivere il parco anche la sera organizzando delle tendate, di fondere più saperi per strutturare dei percorsi di educazione ambientale e tanto altro. Questo percorso ha trovato una prima sintesi nell’evento lancio del Parco, una giornata di festa in cui si è fisicamente aperto il cantiere alla cittadinanza, per mostrare la futura area e le proposte che sono state avanzate dalle associazioni, oltre ai lavori fatti con le scuole negli incontri in classe.

ParcOvest un’occasione per tutti, è stato un tentativo di smuovere le acque, attraverso una miccia accesa da un’associazione cittadina, si è creato un cortocircuito di conoscenze e d’informazioni che si sono strutturate in interesse prima e proposte poi. E’ stato il tentativo di rendere davvero pubblica un’area che si definisce come tale, con la speranza che queste proposte collettive, siano rese possibili e concretizzabili in futuro, immaginandoci, perché no, un primo progetto di area verde desiderata, in parte realizzata e gestita dai cittadini. Con questa esperienza si è mostrato come, parlando di verde pubblico, i soggetti che prima si pensavano indispensabili per lo sviluppo e il miglioramento della città, forse non sono più gli unici attori essenziali; l’energia, l’interesse e le buone intenzioni emerse in questo progetto, dimostrano come noi cittadini possiamo davvero scendere in campo, sporcarci le mani e riprenderci la città pubblica.

Per approfondire:

 http://www.lascatoladelleidee.it/parco-ovest-unoccasione-per-tutti/
http://www.bergamosera.com/cms/?p=125473

Articolo di: Simona Beolchi



17.GIU.2013      Autore: Redazione
CONDIVIDI