FRANCO ZAGARI - PROGETTI DI ARCHITETTURA E DI PAESAGGIO
Una mostra, un libro, un convegno in quattro sessioni| Dal 21 ottobre al 6 novembre a Pisa

La Città di Pisa si interroga sulle nuove tendenze del progetto del paesaggio urbano. Questa volta l’occasione è una MOSTRA monografica dedicata a Franco Zagari, Architetto Paesaggista, che è stato scelto per la sua lunga e nota attività con realizzazioni in Italia e all’estero su molti degli argomenti strategici di questo campo. Un LIBRO guida il visitatore nella lettura di oltre 50 progetti scelti, dall’ideazione alla realizzazione.

In un momento di felice debolezza mi sono risolto a fare quello che non avevo mai fatto prima, una rassegna sull'intero arco della mia attività” afferma Zagari.

Partendo da una critica alle intuizioni progettuali della mostra il convegno BELLEZZA E CIVITAS, a cura di Andrea Di Salvo, propone quattro temi in altrettante sessioni (21, 27, 28 ottobre, 4 novembre): “una sfida per il benessere comune”, “per una politica sperimentale di progetti di paesaggio”, “paesaggi per la città contemporanea”, “l’intervento pubblico. Politiche, indirizzi strategie per il progetto di paesaggio”, proponendo ai relatori nell’ambito dei temi che hanno già scelto, alcune suggestioni:


1. L’aura del progetto
La sintesi concertata di letture e la regia di competenze proprie del corretto progetto di paesaggio sono oggi sempre più – fin nel senso comune condiviso – presupposto di qualsivoglia responsabile prospettiva corale di rifondazione urbana e ambientale che sappia farsi interprete di aspirazioni autentiche e produttiva di saperi e lavoro qualificato.


2. Giardino e Paesaggio
Il catalogo del Giardino è luogo dell’abitare e del lavoro, senza forme e luoghi deputati, occasione del sovrapporsi e ibridarsi degli affetti, dello slittare di convinzioni, di latenza di desideri senza oggetto. Può questo essenziale laboratorio in vitro di forme e idee essere suggestione di una nuova strategia dirompente per la città-paesaggio, per l’evoluzione del nostro habitat? E, viceversa, la questione del paesaggio può essere posta senza la consapevolezza, che è propria del giardino, di una qualità di sogno e potere che è una necessità insopprimibile di ogni cultura? E nella nostra prospettiva storica e nella nostra visione di futuro questa simbiosi di paesaggio e giardino può interrompere una situazione di stallo e aprire una nuova speranza?


3. Spazio e società. Paesaggio e economia
Rovesciando la consueta logica emergenziale, degli interventi riparatori a posteriori e della relativa valutazione dei costi e benefici, la questione non è piuttosto, sempre: “Quanto costa NON fare un progetto di paesaggio ben impostato"?


4. La sfida
La sfida innescata da una stagione di progetti sperimentali attuativi di paesaggio può costituire fin d’ora – e nel frattempo del maturare di una più diffusa e articolata disposizione culturale – un viatico “in atto” di più ampie soluzioni e consapevolezze per il benessere del Paese.

L’evento invita a riflettere sugli obiettivi del progetto di paesaggio, sulle sue potenzialità culturali, sociali ed economiche che ne fanno una questione politica prioritaria.

 

Pisa, Bastione del Sangallo, 21 ottobre - 6 novembre 2016
Città di Pisa
LP – Laboratorio Permanente per la Città

http://www.associazionelp.it/home.html

 



19.OTT.2016      Autore: Redazione
CONDIVIDI