Situation
Mostra di Kishio Suga al Pirelli HangarBicocca

Pirelli HangarBicocca presenta "Situations", la prima retrospettiva dedicata da un’istituzione europea a Kishio Suga (Morioka, Giappone, 1944), figura chiave dell’arte contemporanea giapponese. La mostra, a cura di Yuko Hasegawa e Vicente Todolí, rappresenta un evento eccezionale, proponendo in un’unica occasione oltre venti installazioni realizzate da Suga dal 1969 fino ai giorni nostri e da lui riadattate proprio in funzione delle specificità dello spazio espositivo di Pirelli HangarBicocca. La mostra fa parte degli eventi celebrativi  del 150° anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia.

Personalità di spicco del movimento Mono-ha, Kishio Suga ha contribuito a cambiare il panorama dell’arte contemporanea in un momento di grande sperimentazione a livello internazionale con la nascita, tra gli anni ’60 e ’70, di movimenti come la Post-Minimal Art e la Land Art negli Stati Uniti e l’Arte Povera in Italia. Invitato nel 1978 a rappresentare il Giappone alla Biennale di Venezia, egli mostra all’Occidente il suo linguaggio artistico che unisce natura, materiali e spazio. La mostra rivela l’importanza storica e contemporanea di una pratica esemplare come quella di Kishio Suga.

“Situations” riunisce un insieme di opere ripensate e riadattate dall’artista in funzione dell’architettura industriale di Pirelli HangarBicocca, creando un intenso legame con i vasti spazi delle Navate e un unico percorso dove convivono leggerezza e incombenza, linearità e tensione, solidità e immaterialità.

<< …Uso una varietà di materiali, accostandoli e creando una struttura che si adatta a tutto lo spazio. Le installazioni non sono mai permanenti e possono essere facilmente rimosse e distrutte. Si potrebbe dire che creo mondi temporanei. >>(Kishio Suga, The Conditions Surrounding an Act, 2009) 

Mettendo in luce gli aspetti di coerenza e di sperimentazione che caratterizzano la ricerca di Suga, “Situations”, si presenta come un paesaggio costituito da elementi organici e industriali e da materiali differenti, come ferro, zinco, legno, pietre e paraffina, spesso ricercati in loco. Le opere installate in Pirelli HangarBicocca acquisiscono, dunque, nuove qualità, caratteristiche site-specific nello spazio e nel tempo, che le rendono diverse da qualsiasi precedente installazione.

Attraverso un processo di tensione e allentamento, l’artista crea quella che definisce una “situazione”, in cui vengono messi in evidenza i legami esistenziali tra i diversi materiali che compongono l’opera e lo spazio circostante. Nella pratica dell’artista assume un ruolo centrale il concetto di “interdipendenza” tra oggetti differenti, come modalità per creare un’unica entità, che permette al visitatore da una parte di osservare nella sua interezza l’ambiente circostante, dall’altra di percepire spazi non-visibili, generati dalla presenza delle opere d’arte, o solitamente considerati “invisibili” come gli angoli delle stanze. 

Pirelli HangarBicocca

Kishio Suga  “Situations”

30 settembre 2016 – 29 gennaio 2017

Via Chiese 2, Milano

Con il supporto di: Japan Foundation



29..2016      Autore: Redazione
CONDIVIDI