BELFAST
Sedimentazione urbana

Belfast è una città cui spazio urbano è ormai sedimentato.
Come è risaputo il primo muro fu costruito nel 1968 con carattere temporaneo. Da quel momento ad oggi i muri si sono moltiplicati, continuando a svolgere la loro duplice funzione. Da un lato proteggono e dall’altro separano. Infatti, secondo il sondaggio Attitude to peace-walls* del 2012, il 69% dei residenti delle aree adiacenti ai muri (conosciuti anche come peace walls o peace lines), continuano a considerare questi artefatti necessari, perché la violenza ha ancora un potenziale parzialmente virulento; contro solo il 38% che riesce ad immaginare lo spazio urbano senza muri. Dall’altro, i muri continuano a produrre spazio segregato.

city, belfast, cityscape, urban, landscape, wall

E non si tratta solo di muri nel senso tradizionale, ma anche di barriere di sicurezza ed altri oggetti dell’architettura difensiva (pareti metalliche, reti, recinzioni, filo spinato, vegetazione cuscinetto, eccesso di videocamere di sicurezza, etc.), che sono stati ormai inglobati nella struttura urbana. Oltre a questi ostacoli, in città si vedono tanti altri simboli della divisione, come marciapiedi colorati in blu, rosso e bianco, bandiere, case abbandonate tra due zone segregate, murales, etc. Lo spazio urbano è marcato profondamente dai simboli della divisione.

belfast, city, cityscape, urban, landscape, wall

L’anno scorso si è iniziato seriamente a parlare di eliminare i muri; la data proposta è il 2023. Ovviamente si tratta di una soluzione positiva per il futuro, considerando gli alti costi sociali ed economici che la divisione comporta. La soluzione è quindi creare le condizioni adeguate per iniziare il processo di rimozione. Il primo grande corollario di questa decisione è stata l’idea di creare più scuole integrate, dove giovani delle aree cattoliche possano studiare insieme a quelli delle aree protestanti, cosa che ora quasi non avviene. Le politiche per il cambio urbano quindi si appoggiano ad un processo che punta sulla transizione culturale, riponendo fiducia specialmente nella prossima generazione. Il tempo è la medicina principale.  

belfast, city, cityscape, urban, landscape, wall


*
Byrne, J. Gormley Heenan, C. Robinson, G. (2012) Attitude to Peace Walls. University of Ulster (www.ark.ac.uk/peacewalls2012/

Articolo di Francesca Savoldi



22.MAG.2014      Autore: Redazione
CONDIVIDI